Home

Benvenuti in Tell me Enchantment,

questo sito è dedicato alla magia ed alla divinazione.

Beh, che dire “credere o non credere” nell’invisibile è una scelta, però per tutti coloro che non credono, non dovrebbero snobbare o parlare a vanvera di cose che fondamentalmente non conoscono.

Questo è quello che ho sempre detto alle persone che mi guardavano male per via delle mie passioni, ma solo quando ritenevo giusto parlare.

Poi ci sono quelle persone che, se loro la pensano in un modo dopo di stressano perché anche tu devi cambiare atteggiamento, e via discorrendo.

Cosa ho fatto allora? Assolutamente nulla, ho detto “ok” ed ho proseguito la mia strada.

Tutto questo discorso era per dire semplicemente che, credi in quello che ti piace e il resto lascialo perdere.

Io per la magia e la divinazione ho fatto così.

Da bambina mi piaceva prendere spesso un libro dall’enciclopedie di casa e sfogliarlo, soffermandomi a guardare le figure ed a leggere quello che al tempo trovavo interessante.

Un giorno, all’età di 8 anni, come al solito ne sfogliai uno, quando per caso scoprì la parte inerente alla divinazione: tarocchi, numerologia, caffeomanzia e altre cose ancora.

Incuriosita, mi misi a leggere. Ed è così che entrai in questo affascinante mondo.

Una volta finito mi dissi che non appena avrei avuto la possibilità di comprare un mazzo di carte, avrei imparato l‘arte della cartomanzia.

A 14 anni, ero in centro con le mie amiche, quando guardando le vetrine dei negozi, fui rapita da un negozio particolare cui vendeva degli oggetti molto particolari. Entrai e tra gli scaffali c’erano anche loro: i miei tarocchi. Fu amore a prima vista, perciò li acquistai senza pensarci due volte.

Una volta tornata a casa, presi il libro e cominciai a studiare.

Da allora sono passati 11 anni.

Li leggo principalmente per me stessa e ogni giorno perché, essendo io una persona con un temperamento agitato, voglio sapere quali inclinazioni prendono le energie che emano.

Faccio letture anche per altre persone, familiari e amici. All’inizio per imparare poi perché erano loro a chiedermelo.

Ad un certo punto però crescendo, mi sentivo sempre più diversa. Quindi tenni la magia rinchiusa nella mia camera, nessuno più sapeva della mia passione e quando me lo chiedevano io negavo, con tutta me stessa.

Tuttavia, fare questo non mi rendeva felice, ma solo un po’ più uguale agli altri.

Una volta che finì la scuola, cominciai subito a lavorare. Lavoravo e uscivo con gli amici, questa era la mia vita. Però una volta tornata a casa, mi rinchiudevo nella mia stanza e giravo in internet per cercare informazioni oppure semplici racconti o anche esperienze di vita reale, tutto legato alla magia.

Nel mio piccolo mondo ero davvero felice.

Però dopo un po’ non ero neanche più contenta di questo e allora preferì di non nascondermi più, perché semplicemente non mi piacevo. Agli occhi di tutti non ero me stessa.

Allora, lasciai le mie amicizie e mi dedicai a me stessa, da lì cominciò il mio percorso spirituale, ma da qui è un altro discorso.

Ad oggi vorrei fare qualcosa di importante per me.

Per cui tiro fuori l’argomento magia dal mio comodino e lo pongo qui, in quello che sarà il mio diario personale.

Tu caro lettore qui sei libero di commentare, però ti prego di rispettare chi crede. Ti ringazio.

                                                                                                                                                                               *Luna