Dimensione onirica: conoscere la propria Anima nei sogni spiritualità risveglio racconto mondo dei sogni memorie incontro con l'anima evoluzione spirituale dimensione onirica atlantide anima
Memorie

Dimensione onirica: conoscere la propria Anima nei sogni

La dimensione onirica è il mondo dei sogni, nel quale si può solo ascoltare ed osservare.. nella maggioranza dei casi. 

Quando meno te lo aspetti, possono arrivare eventi bellissimi che hanno il potere di modificare profondamente la visione della propria realtà.

Uno di questi, può avvenire attraverso l’incontro con la propria Anima. Ma solo se tale incontro è utile per la propria evoluzione spirituale.

In questo articolo, racconto la prima parte, quella che ritengo essere la più significativa, dell’incontro con la mia Anima, avvenuta nella dimensione onirica, tre anni fa. Dimensione onirica: conoscere la propria Anima nei sogni spiritualità risveglio racconto mondo dei sogni memorie incontro con l'anima evoluzione spirituale dimensione onirica atlantide anima

La rivelazione non fu instantanea. E il suo significato vero e proprio, l’ho scoperto solo vivendo il mio percorso spirituale.

Nella dimensione onirica.. 

Ero in una discoteca affollata. Le persone intorno a me, ballavano e ridevano, come se nulla fosse. Mentre io mi guardavo attorno, per osservare quello che succedeva.

Ad un tratto, in mezzo alla sala da ballo, le persone si risvegliarono dal loro stato di ebbrezza, lasciando passare una figura molto diversa da loro, poiché loro apparivano più come ombre, che come uomini. Lei, invece, risplendeva di luce propria. Il suo sorriso toccava le persone che incontrava e questi, ne rimasero affascinati ed ammaliati.

La sala si aprì in un cerchio, nel quale lei iniziò a danzare con passi leggeri e morbidi. I suoi capelli, lisci e biondi, accompagnavano i suoi movimenti. Il suo abito, dalle lunghe maniche, semplice e latteo, che arrivava alle ginocchia, risaltava l’armoniosa corporatura snella e sottile.

Nessuno più ballò, perché rapiti dalla natura selvaggia e composta di quella ragazza. Il tempo non esisteva più.

Io potei ammirare la sua bellezza dall’alto del soppalco.

Ad un certo punto, lei si fermò e guardò in alto. Tra tanti presenti, in un primo momento mi sorpresi che stesse guardando proprio me.

Era come se mi conoscesse da tempo, pareva addirittura felice di vedermi. Ma io non capivo.. per me, era la prima volta che la vidi.

Il suo sguardo di smeraldo, era caldo e rassicurante come a dirmi che stava andando tutto bene.

Poi, mi risvegliai altre due volte, prima di raggiungere la dimensione materiale.

Potrebbe piacerti...

Lascia un commento